A volte rintronano

Dopo sei mesi riappare un allievo che avevo dato per disperso; convenevoli di rito, baci e abbracci. Sorvola elegantemente sulla mia reprimenda in agguato: “che hai combinato (sottinteso: in senso musicale)?”, rifugiandosi in un vago “mi sono trasferito”.

Gli dico che mi ricorda C’era una volta in America: “che hai fatto in tutti questi anni Noodles?”. “Sono andato a letto presto”.

Ride; dice: “ci vediamo sabato?”. Io: “sì, visto che non mi sono trasferito ho sviluppato un po’ di cose che possono interessarti”. Lui: “ah ok, comunque non vedo l’ora di suonare la tua batteria”.

Tira di più un rullante in legno…

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.