Alla ricerca del tempo perduto

Uno degli effetti collaterali dell’adolescenza è che per la maggior parte non hai il senso del tempo. Non intendo tanto dell’andante con moto o, vivaddio, dell’allegretto, ma della relatività di quello con la T maiuscola, su cui si accapigliano da gigaere i sapienti di ogni latitudine. Giri in tondo, a spirale e in ellisse, cazzeggi, smaltisci residui tossici esistenziali: insomma perdi tempo e fai tutte le cagate che un adolescente…

10/08/2006
Read More >>

The day after yesterday

La foto fa schifo e non si capisce quasi un cazzo, lo so. Però il collega (di Latina) che ha la “diggitale” figa è sempre in cortile, che mesce i miasmi diesel della Colombo con le essenze cancerose delle sue light. Quindi così è. Vale la testimonianza, che trascrivo dai fatti, come essi sono accaduti. E dio (Jimi?) mi sia testimone. Ieri la rock band le cui gesta raccontiamo in…

30/05/2006
Read More >>

Suonare è il meno

E poi tocca anche lavorare, tra le altre cose. Che però l’attuale impegno primario è un’opera di vaticana mediazione che nemmeno il Gianni Letta della discografia. L’argomento è il classico “quando stiamo andando” di tutte le band: facciamo stocazzo di disco oppure ce la meniamo per qualche altro mese in sala prove tra linee di basso, batterie che potrebbero essere 14milioni (e spostambò sto splash?) e chitarre dai suoni praticamente…

16/05/2006
Read More >>

Suonare la batteria in condominio: cinque o sei cose da sapere per evitare guai

20/01/2006

Update 18/05/2017 Musica e vicini di casa non sempre vanno d’accordo. Quasi mai nel caso di uno strumento oggettivamente invadente come la batteria. Ecco una mini guida utile per i maestri del casino che può andare bene anche per altri musicisti dal suono potente. Cosa si puo’ suonare (in casi fortunati) In condizioni di vicinato esente da patologie, in condominio si possono suonare i set di pad da allenamento o…

Read More >>

A mano libera

Come risolvi una sera in sala prove: che hai dimenticato il minidisc perché 10 ore prima eri uscito da casa al passo della quaglia fuggente; che per una volta hai imbroccato un groove che ci sta proprio come la melanzana nella parmigiana di melanzane; che il loop in questione piace al bendlider/autore/chitarrista/”fammelo schifosamente pop”; che il grùv piace pure al bassista che ammicca ché l’incastro ci sta proprio bene; che,…

19/01/2006
Read More >>

Rumbita linda

L’occasione era un cumpleaño de Santo. Invita che ti invita che ti invita mi ritrovo in casa un esercito di percussionisti italo-cubani, qualche nome illustre della scena musicale romano-habanera (tipo Roberto Evangelisti), 3/4 di Taranta power, un pacco di cantanti appassionati di domino, antenati e spiriti assoriti. Ci sono pezzi di Ostia che sembrano la Habana e in certe sere, anche di più. Bella festa e nemmeno llegò la policia…

22/10/2005
Read More >>

Peccali Foniali

Sentirsi come dinnazi al prete di: “quante volte, figliUolo?”. O come inquisito da un torquemada della mutua: “lei (silenzio) fuma?”. Sensazioni che capitano a quelli che tra noi musici hanno avuto in sorte l’uso di strumenti ad alto impatto acustico. A me sono toccate ieri quando l’otorinolaringoiatra mi ha scrutato impudìco dentro le trombe di eustachio, tra incudini, martelli e flussi catarral-nasali. Da qualche giorno mi trovato in configurazione uditiva…

21/10/2005
Read More >>

OT: sei sempre, pur sempre, un bell’uomo

Giorni di rimembranze milanesi e di riapparizioni google-featured. Basta che qualcuno si faccia venire un compleanno con tanto di festa a flashback o che altri cerchino “pajata+polenta” sul re dei motori di inchiesta che il gioco è fatto. mitt: amarcord quidam subject: non specificato testo: ciao, sono capitato per caso sul tuo blog [omissis], vedo che sei sempre bello, in forma, intelligente, sensibile [nota apocrifa] esattamente come ti ricordavo. Come…

20/10/2005
Read More >>

Il mio piede destro

E’ incredibile come la presenza di corpi estranei in sala prove modifichi la musica della band. E’ qualcosa che, credo, abbiamo sperimentato tutti. Da evitare, anche se ci sono volte in cui la presenza è utile. In genere succede che quello che prima funzionava non funziona più e che cose inaudite vengono fuori senza nemmeno averle pensate. Ma, almeno nella mia esperienza, il risultato è generalmente negativo. Anche senza arrivare…

18/10/2005
Read More >>