Quando ti fischiano le orecchie: noi, Lars Ulrich e l’acufene

Metallica performs in concert in Sunrise, Florida

A Lars Urlich fischiano le orecchie. Sempre, almeno dal 1988. Da quando si svegliò una notte in una camera d’albergo e cercò di spegnere la televisione che, come direbbe William Gibson, gli sembrava ‘tuned on a dead channell (Neuromancer).
A Lars fischiano le orecchie perché pur suonando rock pensate a volumi deliranti negli ultimi 35 anni non ha mai usato, parole sue, ‘alcun tipo di protezione per le orecchie’. Il batterista dei Metallica ne parla con CNN Health e noi ne approfittiamo.

La malattia si chiama Acufene: ronzii, fischi, fruscii, rumori inesistenti che si sentono in continuazione. Ne soffrono milioni di persone e figurarsi se batteristi e percussionisti possono esserne immuni. L’acufene è di tipi diversi e non necessariamente legato all’esposizione a volumi sonori eccessivi: le cause possono essere diverse e non sono del tutto chiare. In alcuni casi è una malattia debilitante, che impedisce la vita di relazione; nei casi meno gravi solo una gran rottura di palle.
Ora, questo non è un sito di medicina, quindi qui ci basta sapere che le orecchie vanno protette e che se dopo un concerto, una sessione di studio o di sala prove sentite quel fastidioso non so che nelle orecchie, sapete di non state facendo abbastanza.

Va anche detto che, come nel caso di Lars Ulrich, l’acufene è spesso conseguenza di un ‘cattivo comportamento’. Soprattutto noi batteristi dovremmo prendere la sana abitudine di studiare con i tappi o le cuffie antirumore, quelle che al ferramenta si trovano per 5-8 euro. sono un ottimo investimento in salute, permettono di studiare più a lungo (mai provata quella sensazione di fatica fisica al limite della nausea dopo aver picchiato duro per una mezz’ora?) e -evviva- di sentire bene il metronomo in cuffia. Certo anche il volume del metronomo va limitato, altrimenti si ricomincia daccapo con l’acufene. In mancanza di cuffie e tappi anche l’ovatta va bene: non fate palline troppo piccole altrimenti.

Le cuffie antirumore dovrebbero essere poi obbligatorie nelle scuole di musica per gli allievi più giovani. Un po’ come il caso in bicicletta e sulle piste da sci. Le orecchie in via di sviluppo devono essere protette. Ai KarmaAllievi le cuffie sono prescritte insieme al metronomo, anzi prima del metronomo. E anche ai KarmaInsegnanti, che devono recuperare anni di tamburi senza protezione.

Io non le ho indossate per anni. E a volte si sente. Ovviamente se avete consigli, esperienze e richieste sparate un commento qui sotto.

Per farsi una cultura: Acufene su Wikipedia
Metallica drummer struggles with ringing in ears

This article has 3 Comments

  1. In realtà potrebbe trattarsi anche di disturbo temporo mandibolare http://www.galiffa.it non è dimostrato da nessuna parte che musica troppo alta causa acufeni, in realtà l’acufene può venire anche nel silenzio assoluto

  2. i primi due anni ho sempre suonato senza protezioni. dopo ho comprato le pratiche cuffie da lavoro. quello che ho provato merita un po’ di attenzione.
    solitamente me ne stavo a suonare la batteria per 2\3 ore al giorno. le mie orecchie ne risentivano tantissimo. infatti il mio orecchio destro soffre di un ronzio quando sento musica a volumi abbastanza alti. secondo me suonare la batteria ha influito tanto, ma anche qualche banale raffreddore non curato.(puo’ darsi che il timpano guarisca da solo con il tempo). quando smettevo di suonare dopo 2 ore, mi sentivo la testa stanca e il corpo scosso da tutti i suoni altissimi dei piatti\tamburi. invece con le cuffie da lavoro mi sentivo molto piu’ riposato anche dopo piu’ tempo di studio e le mie orecchie erano molto piu’ “in forma”. infatti riuscivo a distinguere meglio i fruscii dei vestiti, dei fogli, dei capelli.
    consiglio vivamente l’uso delle cuffie da lavoro!! (costano anche poco e il suono della batteria lo si sente piu’ pulito e piu’ pieno, con piu’ bassi perche’ parte del suono rimane nella cuffia e viene un po’ trasformato)

  3. Concordo su tutta la linea!
    Anche io ho iniziato a suonare con i tappi da un pò ed effettivamente ne sto traendo un grande giovamento….

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.