Una clave “a togliere”: i timbales e la vieja escuela di Manny Oquendo

Nell’ambito percussivo afrocubano Manny Oquendo – maestro di timbales e bongós nato portoricano e cresciuto a New York – parla, anzi parlava, una lingua purissima.
A prescindere dallo strumento usato nel video relativo a questa breve dissertazione (un tutto sommato trascurabile timbalito usato a mo’ di bongó) Manny parla con la lingua dei padri: un “rompere il ritmo” giocando con la clave, esasperando la risultante elastica relativa all’uso dei colpi sincopati, togliendo e non aggiungendo.
Aggiungere troppo è un po’ l’orientamento generale, con le dovute eccezioni, delle nuove generazioni di percussionisti (non solo di scuola afrocubana, ahimé), giovani perfettamente in linea con il concetto di musica come educazione fisica.
E basta.

Un esempio del classico fraseggio di Manny Oquendo

Manny Oquendo Timbale

(di Carmine Pongelli)

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.