Vita dietro i tamburi 0 comments on Come pulire le vostre Converse con i nostri loop di batteria

Come pulire le vostre Converse con i nostri loop di batteria

Siamo così: ogni tanto ci perdiamo i pezzi e ci dimentichiamo le cose. Così capita di trovare che sul sito ufficiale di Converse UK c’è un video molto molto ”carino” che spiega come pulire le vostre amate scarpe da ginnastica a primavera. Il video è del nostro amico Sveinung Skaalnes, un video maker e artista di Stoccolma, e i beats che sentite sotto sono nostri.Sono soddisfazioni, anche per l’igiene del piede. Soprattutto a dicembre se la primavera è lontana.

Il video non si può embeddare e dovete guardarlo, se volete guardarlo, sul sito ufficiale di Converse Uk

How To Spring Clean: Spring is in the air, so we’ve made a short film showing you how to refresh your favorite pair of Converse. Beats by KarmaDrums. [Karmadrums.com è il nostro sito e nickname inglese]

Karma for drums, Vita dietro i tamburi 1 comment on I’ll always be in the band (feat Lynyrd Skynyrd)

I’ll always be in the band (feat Lynyrd Skynyrd)

27 maggio 2017 : in lovely memory of Gregg Allmann

Arrivano, una sera, in 4: chitarre (una era una Gibson nera, amore a prima vista) amplificatori, una cassa di birre. E una bandiera Confederata.

La bandiera finisce appesa sul muro corto della taverna, dietro la batteria; la cassa di birre finisce che nemmeno è iniziata la prova e sul *ride*, qualche tempo dopo, appare un acronimo: SYS (Save Your Souls). La “mia” band, la prima, quella che non si scorda mai.

Una band è un viaggio nell’iperspazio fino alle porte di Tannhäuser, soprattutto se hai 13 anni, vivi musicalmente in un garage dove la nebbia della pianura padana staziona fisso e tutto quello che sai del rock (e più o meno della vita) sono i Police, gli Ac/Dc e che la ruggine di certi amori non dorme mai.

Quella sera arriva – insieme a due chitarre, un basso e un tastierista senza tastiera – il rock del Sud, portato da gente che può permettersi assoli di un certo livello, una macchina dove arrotolarsi con le ragazze, il vino e le feste della birra.
Arriva l’idea che al mondo c’è molta più roba di quella che si intravede dietro le finestre di una scuola di preti.

Porta, la band, anche l’orgoglio di essere parte di quella cosa, di essere nella band. E se vi è mai stato chiesto di starci “nella band” sapete di cosa sto parlando. Portano i Lynyrd Skynyrd di Sweet Home Alabama e di Simple Man. I Rolling Stones di Jumpin Jack Flash, gli Allmann Brothers e tanto di quel rock che se avete visto Almost Famous sapete, di nuovo, di cosa sto parlando.

E’ così che ho deciso che, andasse come andasse, in qualche modo sarei sempre stato Nella Band.

E anche se quella band non c’è più da tanto tanto tempo; e anche se non ci siamo mai più rivisti dal giorno in cui vennero a riprendersi la bandiera Confederata; e anche se io poi ho cambiato i nomi che scrivevo sul ride della batteria e sui muri dei cessi della scuola; e anche se la ruggine non dorme mai, io al fatto che la musica ci salva l’anima ci credo ancora.